Luca Carrara (Libertas Valsabbia) campione italiano di trail

 

Luca Carrara campione italiano di trail lungo, una specialità che, dopo il successo di Oliviero Bosatelli al Tor, diventa sempre più orobico, qui di seguito il resoconto della manifestazione che vede anche altri bergamaschi protagonisti

La seconda edizione dei Campionati Italiani di trail lungo si è svolta in Toscana, a Badia Prataglia (Arezzo). Nel contesto del Trail Sacred Forests, sulla distanza dei 50 chilometri con 2800 metri di dislivello positivo, a conquistare il titolo maschile è stato il bergamasco Luca Carrara (Libertas Vallesabbia) al traguardo in 4h40:11 davanti a Davide Cheraz (Atl. Sandro Calvesi, 4h47:07) e Giulio Ornati (Bognanco, 4h55:06). La gara delle donne ha invece visto il successo di Lara Mustat (Circolo Minerva), nata a Cuneo ma residente a Parma, che si è aggiudicata il tricolore in 5h40:20 nei confronti di Cristiana Follador (Us Aldo Moro Paluzza, 5h42:30), terzo posto a Giulia Petreni (Prosport Atl. Firenze, 6h45:44). Nelle classifiche “over 35”, per i master A (dai 35 ai 49 anni) Carrara ha preceduto Giuliano Cavallo (Pol. Sant’Orso Aosta, 4h58:02) e Mauro Cardinali (Marathon Club Città di Castello, 5h19:18), mentre le prime tre al femminile sono le stesse della graduatoria assoluta. Fra i master B, dai 50 ai 64 anni, Norberto Perolari (G. Alpinistico Vertovese, 6h39:11 si è lasciato alle spalle Giuseppe Pianesi (Nuova Pod. Loreto, 6h54:55) e Leonardo Renni (Atl. Banca di Pesaro Centro Storico, 7h02:41), invece tra le donne la migliore è stata Annamaria Masetti (Atl. Banca di Pesaro Centro Storico, 7h53:53).

All’evento, nonostante il meteo avverso, sabato 17 settembre hanno preso parte circa 500 trailer su quattro diversi percorsi: oltre a quello del campionato italiano, anche l’ultratrail medio di 82 km (dislivello 4200 metri), il trail di 26 km (1500 metri) e lo short trail di 14 km (800 metri). La manifestazione il prossimo anno accoglierà i Mondiali di Trail, il 10 giugno, attraversando siti come la Lama, la Foresta Integrale di Sasso Fratino e la Diga di Ridracoli incastonata tra le foreste del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. L’appuntamento è stato valido anche come ottava tappa del FIDAL Mountain and Trail Running Grand Prix, con le prossime che si svolgeranno il 16 ottobre a Segni (Roma) per il Trail dei Monti Lepini e quindi il 6 novembre ad Alba (CN), con l’Ecomaratona del Barbaresco e del Tartufo d’Alba.

l.c.

FIDAL MOUNTAIN AND TRAIL RUNNING GRAND PRIX 2016
24 aprile, Chiavenna (SO): Val Bregaglia Trail
14 maggio, Casto (BS): Campionato Italiano km verticale
15 maggio, Casto (BS): Trofeo Nasego – Campionato Italiano lunghe distanze
1 giugno, Roma: Roma Urban Trail
5 giugno, Lanzada (SO): Campionato Italiano corsa in montagna (salita e discesa)
31 luglio, Cortina d’Ampezzo (BL): Campionato Italiano corsa in montagna (solo salita)
21 agosto, Borno (BS): San Fermo Trail – Campionato italiano trail corto
17 settembre, Badia Prataglia (AR): Trail Sacred Forests – Campionato Italiano trail lungo
16 ottobre, Segni (Roma): Trail dei Monti Lepini
6 novembre, Alba (CN): Ecomaratona del Barbaresco e del Tartufo d’Alba

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*